Discussione:
Uomini quadrupedi in un villaggio turco Un'anomalia genetica
(troppo vecchio per rispondere)
VR
2006-03-07 13:20:02 UTC
Permalink
Se chiediamo a bruciapelo, alla prima persona che passa, in che cosa
gli esseri umani sono diversi dalle scimmie, è assai probabile che la
risposta elenchi il linguaggio, il ragionamento, la piena coscienza di
sé, la stazione eretta e il camminare su due gambe. Da Darwin in poi,
l'emergenza di ciascuno di questi tratti ha stimolato distinte,
plausibili spiegazioni evolutive.
La «discesa» dei nostri antenati dalla foresta nelle pianure ha
favorito arti inferiori capaci di sostenere da soli il nostro peso e
di consentire la marcia e la corsa, il linguaggio ha consentito una
comunicazione raffinata, il ragionamento, una intelligente previsione
di ciò che può accadere e una pianificazione delle azioni individuali
e collettive. Mi fermo qui, perché una storia assai diversa ci viene
ora suggerita da un fisiologo turco, il professor Uner Tan
dell'Università Cukurova ad Adana. Detto in modo molto sommario, ma
non fuorviante, Tan sostiene che tutti questi tratti tipicamente umani
possano essere il risultato di un singolo processo evolutivo.
Si sarebbe trattato, secondo Tan, di un evento evolutivo «puntuale»,
uno di quelli messi a suo tempo in evidenza da Stephen Jay Gould e
Richard Lewontin, e non di un'evoluzione graduale, come
tradizionalmente contemplata nella teoria darwiniana classica. Su che
base può affermarlo? Sulla base della scoperta di una sindrome molto
insolita, che già porta il suo nome.

Clinicamente definita come un caso molto particolare di atassia
cerebellare, la sindrome di Uner Tan si manifesta con il
quadrupedalismo (questi soggetti camminano solo e sempre sulle mani e
sui piedi e spesso procedendo in linea obliqua), un linguaggio assai
ridotto, un grave ritardo mentale, una ridotta coscienza di sé, una
postura normale ricurva e a testa china, anche quando sono seduti. In
una parola, questi sventurati, a causa di un deficit congenito,
incarnano nella realtà quello che si potrebbe definire, secondo una
lunga tradizione e più di un pizzico di leggenda, il famoso anello
mancante. L'ultimo numero dello «International Journal of
Neuroscience» descrive minuziosamente questa sindrome e racconta come,
in uno sperduto villaggio turco, vicino al confine con la Siria, nella
provincia di Iskenderun, città di Alessandro Magno, e sede di mosaici
che rivaleggiano con quelli di Ravenna, il medico Osman Demirhan abbia
scoperto questo caso e abbia chiamato Uner Tan, con un'équipe di
fisiologi, neurologi, e psicologi, per esaminarlo a fondo. In questo
villaggio, una coppia di lontani consanguinei ha avuto ben 19 figli,
cinque dei quali sono affetti da questa sindrome (quattro femmine e un
maschio). Gli altri dodici erano tutti normali, ma due sono morti
precocemente. L'età varia dai 14 ai 36 anni. L'analisi genetica
dettagliata è in corso, ma si tratta senza dubbio di un carattere
genetico recessivo portato da un cromosoma non sessuale. L'analisi a
risonanza magnetica mostra un rimpicciolimento della regione del
cervelletto chiamata vermis e una riduzione del corpo calloso.
Un collega di Uner Tan, Tayfun Ozcelik, professore di genetica umana
all'Università Bilkent di Ankara e che ha una lista molto nutrita di
pubblicazioni scientifiche internazionali, mi dice: «Conosco e stimo
il professor Tan da 25 anni. Quando, lo scorso dicembre, su suo
invito, mi sono recato in quel villaggio e ho osservato quei soggetti,
ho avuto la più straordinaria esperienza dei miei oltre venti anni di
genetista». Aggiunge che questa scoperta può grandemente contribuire a
risolvere l'enigma dell'evoluzione umana. Dello stesso parere, ma con
interpretazioni assai diverse, sono i biologi evoluzionisti inglesi
Nicholas Humphrey e John R. Skoyles, della London School of Economics,
e l'anatomista Roger Keynes dell'Università di Cambridge, i quali
hanno ben esaminato i soggetti studiati da Uner Tan, su suo specifico
invito, nel giugno del 2005, e hanno adesso pubblicato su Internet un
dettagliato resoconto. Vi si dichiara che non è stato possibile
apporre su questo documento sia la loro firma che quella di Uner Tan e
Osman Demirhan (http://eprints.lse.ac.uk/archive/00000463).
Suppongo sia a causa della natura divergente delle rispettive tesi
evoluzionistiche. Intanto un gruppo turco-tedesco ha localizzato la
mutazione sul cromosoma «17p».

Limitiamoci qui ai fatti, prevedendo che questo caso susciterà grande
interesse e accesi dibattiti nelle settimane a venire. Questi cinque
soggetti si muovono speditamente appoggiando gran parte del loro peso
sui polsi, con le palme rivolte in avanti. Si noti che le scimmie si
appoggiano, invece, sulle nocche. Si tratta, quindi, si un tratto del
tutto insolito. Inoltre, a differenza dei bimbi piccoli che vanno a
«quattro zampe», essi non camminano sui ginocchi, bensì mantenendo le
gambe distese.
Con notevole sforzo, riescono a stare fermi in piedi, ma non a
camminare sulle sole gambe. Capiscono sufficientemente il curdo da
poter comunicare con gli estranei, e tre di loro capiscono anche un
po' di turco, ma è difficile comprendere quello che dicono, la loro
sintassi è assai misera e il vocabolario limitato (circa cento
vocaboli). Si capiscono solo tra di loro e con i loro genitori. Non
sanno ripetere gran parte delle parole per loro nuove, non sanno
rispondere nemmeno alle domande più semplici (in che Paese vivi?), e
non sanno piegare in due un foglio di carta. La loro «coscienza» di
dove sono, di chi sono e di cosa succede intorno a loro pare essere
assai ridotta (secondo Uner Tan, ma il team inglese dice che
interagiscono con cortesia e reagiscono adeguatamente alle situazioni
nuove, per esempio un viaggio in autobus fino all'ospedale).
Tan si accinge a cercare attivamente altri casi simili, mentre gli
studiosi inglesi insinuano che le circostanze biologiche e sociali di
questo caso sono talmente uniche che potrebbe per sempre rimanere
isolato e irriproducibile.
Mentre scrivo, il tam tam della sindrome si sta diffondendo nella
comunità scientifica e le più prestigiose riviste e anche la Bbc, si
accingono a parlarne. Aspettiamo un po' prima di trarre tutte le
interessanti conseguenze evoluzionistiche.


Massimo Piattelli Palmarini
07 marzo 2006

Bye...

VR


"Non posso concepire un Dio personale che abbia un'influenza
diretta sulle azioni degli individui.
La mia religiosità consiste in una modesta ammirazione dello
spirito infinitamente superiore che si rivela in quel poco
che noi possiamo comprendere della realtà."

Albert Einstein - Lettera ad un Banchiere del Colorado,
Agosto 1927

__________________ www.Diolaico.it ______________

Un nuovo paradigma nella querelle scienza/religiosità.
Il contributo della teoria evoluzionistica contro le
ideologie religiose moderne.
Ovvero: come Darwin puo' aver confutato le congetture
del reverendo Paley..
Sito aggiornato <<<<<<<<<<<<<<<<
Settembre 2005

__________________ www.Diolaico.it ______________
i***@linuxmail.org
2006-03-07 15:16:02 UTC
Permalink
Post by VR
Clinicamente definita come un caso molto particolare di atassia
cerebellare, la sindrome di Uner Tan si manifesta con il
quadrupedalismo (questi soggetti camminano solo e sempre sulle mani e
sui piedi e spesso procedendo in linea obliqua), un linguaggio assai
ridotto, un grave ritardo mentale, una ridotta coscienza di sé, una
postura normale ricurva e a testa china, anche quando sono seduti. In
una parola, questi sventurati, a causa di un deficit congenito,
incarnano nella realtà quello che si potrebbe definire, secondo una
lunga tradizione e più di un pizzico di leggenda, il famoso anello
mancante.
[..]

Interessante... ecco l'articolo sul Corriere:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2006/03_Marzo/07/palmarini.shtml

J.
Eupholus
2006-03-07 17:24:30 UTC
Permalink
Post by i***@linuxmail.org
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2006/03_Marzo/07/palmarini.shtml
e alcune foto:
http://www.repubblica.it/2003/e/gallerie/scienzaetecnologia/4zampe/1.html



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Claudio Bianchini
2006-03-08 00:24:48 UTC
Permalink
Post by VR
Gli altri dodici erano tutti normali, ma due sono morti
precocemente. L'età varia dai 14 ai 36 anni. L'analisi genetica
dettagliata è in corso, ma si tratta senza dubbio di un carattere
genetico recessivo portato da un cromosoma non sessuale. L'analisi a
risonanza magnetica mostra un rimpicciolimento della regione del
cervelletto chiamata vermis e una riduzione del corpo calloso.
Tra non molto lo dovremo vedere sulla serie "Medical Incredible"

http://www.skytv.it/default.htm

P.S.
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
remove_s
2006-03-08 11:52:57 UTC
Permalink
Post by Claudio Bianchini
P.S.
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
Vorrei far presente che Int. J. Neurosci. é una delle riviste
scientifiche a piu' basso impact factor nell'ambito neuroscientifico.
Trarre drastiche conclusioni su una intera categoria basandosi su un
articolo del genere (senza entrarne nel merito) e' un po' audito :)

Peró ció che é interessante non di quell'articolo, ma in genere degli
ultimi decenni di ricerca, é la scoperta che l'evoluzione genetica non
e' solo un lento a casuale adattamento all'ambiente, ma vi sono
mutazioni casuali od inserzioni geniche che possono modificare un
organismo in maniera sostanziale da una generazione all'altra
permettendo cosi'di avere effetti evoluzionistici particolarmente veloci.

Il fatto che questo sia un cross-post fra .biologia .ateismo .religioni
mi suggerisce peró che i miei commenti siano fuori luogo e che
probabilmente questo e' un'altro thread fatto giusto per litigare...
spero di sbagliarmi :)

Alessandro
fuzzy
2006-03-08 17:48:57 UTC
Permalink
Post by remove_s
Post by Claudio Bianchini
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
"anomalia genetica" è un concetto relativo. Dire che una mutazione è
un'anomalia
genetica, significa presupporre una qualche "normalità" genetica, il che
francamente
sa un po' di pensiero tipologico ad esser buoni.
Se una forma vivente compare e si riproduce, non so a che titolo si possa
parlare di anomalia. I nani sono anomali? Rispetto a uomini non-nani
forse...
ma allora sono anomali anche i cani, o gli scimpanze...
Una variante fenotipica o è sempre un'anomalia rispetto alla specie cui si
riferisce, o non lo è mai, oppure lo è solo in caso di fitness
azzerata....?!?!
Post by remove_s
Il fatto che questo sia un cross-post fra .biologia .ateismo .religioni
mi suggerisce peró che i miei commenti siano fuori luogo e che
probabilmente questo e' un'altro thread fatto giusto per litigare...
spero di sbagliarmi :)
Purtroppo non ti sbagli. Il buon VR è solito a questi cross post, che hanno
un alta probabilità di finire in zuffa. Se uno è interessato biologicamente
alla questione, che gliene frega di andare a rompere le scatole
su it.religioni? Vuole dimostrare qualcosa, ma finisce per prendersi qualche
pernacchio.

Io per esempio non sopporto i testimoni di geova, perche sono dei
rompiballe.
Eppero non vado dai testimoni di geova a cercare di convincerli che sono dei
rompiballe. Sarei come loro. No?

fuzzy


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
VR
2006-03-08 17:57:03 UTC
Permalink
Post by fuzzy
Post by remove_s
Il fatto che questo sia un cross-post fra .biologia .ateismo .religioni
mi suggerisce peró che i miei commenti siano fuori luogo e che
probabilmente questo e' un'altro thread fatto giusto per litigare...
spero di sbagliarmi :)
Purtroppo non ti sbagli.
E tu.. purtroppo ti sbagli. ;-)
Post by fuzzy
Il buon VR è solito a questi cross post, che hanno
un alta probabilità di finire in zuffa.
Il che (semmai) dimostra che la cosa e' tutt'altro che "peregrina" e
infondata.. oltre che particolarmente "sentita".. tutto il contrario
di quel che vorresti far intendere.
Post by fuzzy
Se uno è interessato biologicamente
alla questione, che gliene frega di andare a rompere le scatole
su it.religioni?
Ma che sti a di? Perche' uno che e' interessato di biologia non puo'
interessarsi di religioni? E viceversa?
Co' sti chiari de luna poi.. ;-D
Forse questa tua reiterata opposizione a questo e' in realta'
"espressione" di un tuo disagio? E che te ne frega a te se altri sono
interessati a discussioni trasversali di temi di interesse (non solo)
biologico?
Tu selezioni il solo NG dove ti va di replicare.. rispondi e la cosa
e' finita... punto...
Post by fuzzy
Vuole dimostrare qualcosa, ma finisce per prendersi qualche
pernacchio.
Si'? E da chi? :-D
Post by fuzzy
Io per esempio non sopporto i testimoni di geova, perche sono dei
rompiballe.
Eppero non vado dai testimoni di geova a cercare di convincerli che sono dei
rompiballe. Sarei come loro. No?
fuzzy
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
VR
2006-03-08 17:51:51 UTC
Permalink
On Wed, 08 Mar 2006 12:52:57 +0100, remove_s
Post by remove_s
Post by Claudio Bianchini
P.S.
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
Vorrei far presente che Int. J. Neurosci. é una delle riviste
...
Post by remove_s
Il fatto che questo sia un cross-post fra .biologia .ateismo .religioni
mi suggerisce peró che i miei commenti siano fuori luogo e che
probabilmente questo e' un'altro thread fatto giusto per litigare...
spero di sbagliarmi :)
Si'. Non preoccuparti di fare i tuoi commenti - che mi sembrano
pertinenti.
Farlo "anche in questi NG" non e' un dramma.. ed ha un'utilità che
forse neanche t'immagini.
Non ti curar di certe repliche "sguaiate".. e seguita a proporre
contenuti.. questo e' forse piu' importante farlo qui che su
i.s.biologia
remove_s
2006-03-08 18:12:27 UTC
Permalink
Mi sarei aspettato un'opinione anche al resto del mio messaggio :)
VR
2006-03-09 12:59:47 UTC
Permalink
On Wed, 08 Mar 2006 19:12:27 +0100, remove_s
Post by remove_s
Mi sarei aspettato un'opinione anche al resto del mio messaggio :)
Ho gia' risposto.. "concordando" su quel che hai postato. Non l'hai
visto?
remove_s
2006-03-09 16:10:26 UTC
Permalink
ok... pensavo considerassi i commenti solo pertinenti :)

ciao

Alessandro
fuzzy
2006-03-08 21:00:24 UTC
Permalink
Post by VR
Farlo "anche in questi NG" non e' un dramma.. ed ha un'utilità che
forse neanche t'immagini.
si? e quale sarebbe?

fuzzy
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
VR
2006-03-09 13:05:35 UTC
Permalink
Post by fuzzy
Post by VR
Farlo "anche in questi NG" non e' un dramma.. ed ha un'utilità che
forse neanche t'immagini.
si? e quale sarebbe?
Ad esempio evitare usi indebiti di certi contenuti scientifici... etc.
fuzzy
2006-03-09 13:35:04 UTC
Permalink
Post by VR
Post by fuzzy
Post by VR
Farlo "anche in questi NG" non e' un dramma.. ed ha un'utilità che
forse neanche t'immagini.
si? e quale sarebbe?
Ad esempio evitare usi indebiti di certi contenuti scientifici... etc.
A parte che le tue presunte "dimostrazioni" non hanno di fatto
mai EVITATO alcun uso, come qualsiasi persona puo' facilmente
constatare. Non hanno alcuna forza coercitiva, ne possono
persuadere chi non vuole esserlo.

Inoltre, le tue dimostrazioni crosspostate servono si, ma solo
ad alimentare gente come questa di seguito riportata:


Il 09 Mar 2006, 14:11, "karman" <***@libero.it> ha scritto:
...
Post by VR
Per me forse avete equivocato..,!
Quelli, ( come Diogene) stavano cercando L'uomo..! Ma invece del
lanternino
Post by VR
lo.. cercavano fra i Lombrichi..!!.
* § K A R M A N * § ..
...

Bravo VR! Bella utilità! :-)
fuzzy


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
VR
2006-03-09 18:11:16 UTC
Permalink
Post by fuzzy
Post by VR
Post by fuzzy
Post by VR
Farlo "anche in questi NG" non e' un dramma.. ed ha un'utilità che
forse neanche t'immagini.
si? e quale sarebbe?
Ad esempio evitare usi indebiti di certi contenuti scientifici... etc.
A parte che le tue presunte "dimostrazioni" non hanno di fatto
mai EVITATO alcun uso, come qualsiasi persona puo' facilmente
constatare. Non hanno alcuna forza coercitiva, ne possono
persuadere chi non vuole esserlo.
Allora. Si'.. non dovevo usare il verbo "evitare".
Infatti non voglio ne' "vietare" che si possa pensare in un certo modo
ne' persuadere certe persone... ma mi e' sufficiente - in questi NG -
solo ribattere in un certo modo. E proporre ulteriori elementi a
sostegno. Poi chi vuol "sragionare" - come il caso da te proposto - lo
faccia. Non mi rivolgo a costoro.. ovviamente.
Infatti li ignoro.
Post by fuzzy
Inoltre, le tue dimostrazioni crosspostate servono si, ma solo
...
Post by VR
Per me forse avete equivocato..,!
Quelli, ( come Diogene) stavano cercando L'uomo..! Ma invece del
lanternino
Post by VR
lo.. cercavano fra i Lombrichi..!!.
* § K A R M A N * § ..
...
Beh.. sono molto democratico sai.. se questo vuol dire frescacce di
tal fatta si accomodi.. sapessi che mi importa..
Post by fuzzy
Bravo VR! Bella utilità! :-)
Ma ci spieghi perche' ti turba tanto l'espressione di questo tizio..
sai.. io neanche lo noto. Stiamo fini se dovessimo tenere conto di
questi soggetti..

Mah.. non capisco tutto questo atteggiamente che mostri.. :-|

O forse si? :-|

VR
Post by fuzzy
fuzzy
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Noquarter
2006-03-08 12:00:18 UTC
Permalink
Claudio Bianchini ha scritto:
...
Post by Claudio Bianchini
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
Direi *certa* biologia evoluzionista.
Da curioso leggo pillole di Le scienze e le trattazioni evoluzioniste le
trovo solitamente curiose ed interessanti, anche se esposte con
impostazione divulgativa. Per questa notizia, sono comunque profano in
materia, ho avuto la tua stessa perplessita'.

Chiedo al gruppo, ma e' possibile che una anomalia genetica possa fornire
informazioni sulla storia di una specie?

Grazie e mimose alle donne :-)

Andrea
--
www.no4er.it - ICQ#: 32168396
"...over the hills and far away!"
PS: se despammed non va stesso nick su libero

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
VR
2006-03-08 17:51:37 UTC
Permalink
Post by Noquarter
Chiedo al gruppo, ma e' possibile che una anomalia genetica possa fornire
informazioni sulla storia di una specie?
Dimostrando che l'attività e l'espressione dei geni segue proprio i
principi stabiliti dalla teoria evoluzionistica: intrinsecamente
indeterministica, fondata sul tipo "prova ed errore", e con fenomeni
"discreti" di evoluzione.. (con buona pace con menate tipo "anello
mancante" etc.).
E cosi' via.. ovvero il peggio che certi "critici antidarwiniani"
vorrebbero far credere..
Bhisma
2006-03-09 16:40:36 UTC
Permalink
VR <verobyx2001#@virgilio.it> wrote in
<***@4ax.com>

[Sindrome di Uner Tan]
Post by VR
Dimostrando che l'attività e l'espressione dei geni segue proprio i
principi stabiliti dalla teoria evoluzionistica: intrinsecamente
indeterministica, fondata sul tipo "prova ed errore", e con fenomeni
"discreti" di evoluzione.. (con buona pace con menate tipo "anello
mancante" etc.).
Direi proprio di sì... ma aspetterei per dirlo i risultati di ulteriori
ricerche ed approfondimenti, per escludere di trovarmi davanti a un caso di
"evoluzione fredda" :-)
--
...e il pensier libero, è la mia fé!
Claudio Bianchini
2006-03-09 17:24:58 UTC
Permalink
Post by VR
Post by Noquarter
Chiedo al gruppo, ma e' possibile che una anomalia genetica possa fornire
informazioni sulla storia di una specie?
Dimostrando che l'attività e l'espressione dei geni segue proprio i
principi stabiliti dalla teoria evoluzionistica: intrinsecamente
indeterministica, fondata sul tipo "prova ed errore", e con fenomeni
"discreti" di evoluzione.. (con buona pace con menate tipo "anello
mancante" etc.).
Il caso che hai presentato non lo dimostra affatto. Trattasi di anomalia
genetica.
VR
2006-03-09 18:04:48 UTC
Permalink
Post by Claudio Bianchini
Post by VR
Post by Noquarter
Chiedo al gruppo, ma e' possibile che una anomalia genetica possa fornire
informazioni sulla storia di una specie?
Dimostrando che l'attività e l'espressione dei geni segue proprio i
principi stabiliti dalla teoria evoluzionistica: intrinsecamente
indeterministica, fondata sul tipo "prova ed errore", e con fenomeni
"discreti" di evoluzione.. (con buona pace con menate tipo "anello
mancante" etc.).
Il caso che hai presentato non lo dimostra affatto. Trattasi di anomalia
genetica.
Proprio non la intendi eh? "Discretezza" fenotipico/genotipica.
Un'unica espressione "doppio recessivo" permette l'espressione di un
carattere "radicalmente" differente.
Da quanto scrive..
Lei "ignora" la questione ... si informi
(Antonio de Curtis) in arte Toto'


VR
VR
2006-03-08 17:51:34 UTC
Permalink
Post by Claudio Bianchini
Post by VR
Gli altri dodici erano tutti normali, ma due sono morti
precocemente. L'età varia dai 14 ai 36 anni. L'analisi genetica
dettagliata è in corso, ma si tratta senza dubbio di un carattere
genetico recessivo portato da un cromosoma non sessuale. L'analisi a
risonanza magnetica mostra un rimpicciolimento della regione del
cervelletto chiamata vermis e una riduzione del corpo calloso.
Tra non molto lo dovremo vedere sulla serie "Medical Incredible"
http://www.skytv.it/default.htm
Ma che c'entra???
Post by Claudio Bianchini
P.S.
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
Anche in questo caso non c'hai capito "l'ennesima cippa".
Che ci vuoi fare.. capita..
Claudio Bianchini
2006-03-09 17:25:46 UTC
Permalink
Post by VR
Post by Claudio Bianchini
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
Anche in questo caso non c'hai capito "l'ennesima cippa".
Che ci vuoi fare.. capita..
Mi fa impressione che tu non riesca mai ad articolare qualche pensiero
compiuto :-D
VR
2006-03-09 18:00:22 UTC
Permalink
Post by Claudio Bianchini
Post by VR
Anche in questo caso non c'hai capito "l'ennesima cippa".
Che ci vuoi fare.. capita..
Mi fa impressione che tu non riesca mai ad articolare qualche pensiero
compiuto :-D
Ma davvero... Detto da te e' tutto un programma... :-D


VR
karman
2006-03-09 13:11:04 UTC
Permalink
Post by Claudio Bianchini
Post by VR
Gli altri dodici erano tutti normali, ma due sono morti
precocemente. L'età varia dai 14 ai 36 anni. L'analisi genetica
dettagliata è in corso, ma si tratta senza dubbio di un carattere
genetico recessivo portato da un cromosoma non sessuale. L'analisi a
risonanza magnetica mostra un rimpicciolimento della regione del
cervelletto chiamata vermis e una riduzione del corpo calloso.
Tra non molto lo dovremo vedere sulla serie "Medical Incredible"
Per me forse avete equivocato..,!
Quelli, ( come Diogene) stavano cercando L'uomo..! Ma invece del lanternino
lo.. cercavano fra i Lombrichi..!!.

* § K A R M A N * § ..
Post by Claudio Bianchini
http://www.skytv.it/default.htm
P.S.
Questo caso dimostra il livello di approssimazione dell'attuale biologia
evoluzionista. Scambiare una rara anomalia genetica per evoluzione è prova
che l'attuale evoluzionismo è fermo alla stregoneria
LuChiNo
2006-03-10 08:11:19 UTC
Permalink
Basta flammare! Se dovete proprio punzecchiarvi, perchè non lo fate in
privato?
Post by VR
Se chiediamo a bruciapelo, alla prima persona che passa, in che cosa
gli esseri umani sono diversi dalle scimmie, è assai probabile che la
risposta elenchi il linguaggio, il ragionamento, la piena coscienza di
sé, la stazione eretta e il camminare su due gambe. Da Darwin in poi,
l'emergenza di ciascuno di questi tratti ha stimolato distinte,
plausibili spiegazioni evolutive.
La «discesa» dei nostri antenati dalla foresta nelle pianure ha
favorito arti inferiori capaci di sostenere da soli il nostro peso e
di consentire la marcia e la corsa, il linguaggio ha consentito una
comunicazione raffinata, il ragionamento, una intelligente previsione
di ciò che può accadere e una pianificazione delle azioni individuali
e collettive. Mi fermo qui, perché una storia assai diversa ci viene
ora suggerita da un fisiologo turco, il professor Uner Tan
dell'Università Cukurova ad Adana. Detto in modo molto sommario, ma
non fuorviante, Tan sostiene che tutti questi tratti tipicamente umani
possano essere il risultato di un singolo processo evolutivo.
Si sarebbe trattato, secondo Tan, di un evento evolutivo «puntuale»,
uno di quelli messi a suo tempo in evidenza da Stephen Jay Gould e
Richard Lewontin, e non di un'evoluzione graduale, come
tradizionalmente contemplata nella teoria darwiniana classica. Su che
base può affermarlo? Sulla base della scoperta di una sindrome molto
insolita, che già porta il suo nome.
Clinicamente definita come un caso molto particolare di atassia
cerebellare, la sindrome di Uner Tan si manifesta con il
quadrupedalismo (questi soggetti camminano solo e sempre sulle mani e
sui piedi e spesso procedendo in linea obliqua), un linguaggio assai
ridotto, un grave ritardo mentale, una ridotta coscienza di sé, una
postura normale ricurva e a testa china, anche quando sono seduti. In
una parola, questi sventurati, a causa di un deficit congenito,
incarnano nella realtà quello che si potrebbe definire, secondo una
lunga tradizione e più di un pizzico di leggenda, il famoso anello
mancante. L'ultimo numero dello «International Journal of
Neuroscience» descrive minuziosamente questa sindrome e racconta come,
in uno sperduto villaggio turco, vicino al confine con la Siria, nella
provincia di Iskenderun, città di Alessandro Magno, e sede di mosaici
che rivaleggiano con quelli di Ravenna, il medico Osman Demirhan abbia
scoperto questo caso e abbia chiamato Uner Tan, con un'équipe di
fisiologi, neurologi, e psicologi, per esaminarlo a fondo. In questo
villaggio, una coppia di lontani consanguinei ha avuto ben 19 figli,
cinque dei quali sono affetti da questa sindrome (quattro femmine e un
maschio). Gli altri dodici erano tutti normali, ma due sono morti
precocemente. L'età varia dai 14 ai 36 anni. L'analisi genetica
dettagliata è in corso, ma si tratta senza dubbio di un carattere
genetico recessivo portato da un cromosoma non sessuale. L'analisi a
risonanza magnetica mostra un rimpicciolimento della regione del
cervelletto chiamata vermis e una riduzione del corpo calloso.
Un collega di Uner Tan, Tayfun Ozcelik, professore di genetica umana
all'Università Bilkent di Ankara e che ha una lista molto nutrita di
pubblicazioni scientifiche internazionali, mi dice: «Conosco e stimo
il professor Tan da 25 anni. Quando, lo scorso dicembre, su suo
invito, mi sono recato in quel villaggio e ho osservato quei soggetti,
ho avuto la più straordinaria esperienza dei miei oltre venti anni di
genetista». Aggiunge che questa scoperta può grandemente contribuire a
risolvere l'enigma dell'evoluzione umana. Dello stesso parere, ma con
interpretazioni assai diverse, sono i biologi evoluzionisti inglesi
Nicholas Humphrey e John R. Skoyles, della London School of Economics,
e l'anatomista Roger Keynes dell'Università di Cambridge, i quali
hanno ben esaminato i soggetti studiati da Uner Tan, su suo specifico
invito, nel giugno del 2005, e hanno adesso pubblicato su Internet un
dettagliato resoconto. Vi si dichiara che non è stato possibile
apporre su questo documento sia la loro firma che quella di Uner Tan e
Osman Demirhan (http://eprints.lse.ac.uk/archive/00000463).
Suppongo sia a causa della natura divergente delle rispettive tesi
evoluzionistiche. Intanto un gruppo turco-tedesco ha localizzato la
mutazione sul cromosoma «17p».
Limitiamoci qui ai fatti, prevedendo che questo caso susciterà grande
interesse e accesi dibattiti nelle settimane a venire. Questi cinque
soggetti si muovono speditamente appoggiando gran parte del loro peso
sui polsi, con le palme rivolte in avanti. Si noti che le scimmie si
appoggiano, invece, sulle nocche. Si tratta, quindi, si un tratto del
tutto insolito. Inoltre, a differenza dei bimbi piccoli che vanno a
«quattro zampe», essi non camminano sui ginocchi, bensì mantenendo le
gambe distese.
Con notevole sforzo, riescono a stare fermi in piedi, ma non a
camminare sulle sole gambe. Capiscono sufficientemente il curdo da
poter comunicare con gli estranei, e tre di loro capiscono anche un
po' di turco, ma è difficile comprendere quello che dicono, la loro
sintassi è assai misera e il vocabolario limitato (circa cento
vocaboli). Si capiscono solo tra di loro e con i loro genitori. Non
sanno ripetere gran parte delle parole per loro nuove, non sanno
rispondere nemmeno alle domande più semplici (in che Paese vivi?), e
non sanno piegare in due un foglio di carta. La loro «coscienza» di
dove sono, di chi sono e di cosa succede intorno a loro pare essere
assai ridotta (secondo Uner Tan, ma il team inglese dice che
interagiscono con cortesia e reagiscono adeguatamente alle situazioni
nuove, per esempio un viaggio in autobus fino all'ospedale).
Tan si accinge a cercare attivamente altri casi simili, mentre gli
studiosi inglesi insinuano che le circostanze biologiche e sociali di
questo caso sono talmente uniche che potrebbe per sempre rimanere
isolato e irriproducibile.
Mentre scrivo, il tam tam della sindrome si sta diffondendo nella
comunità scientifica e le più prestigiose riviste e anche la Bbc, si
accingono a parlarne. Aspettiamo un po' prima di trarre tutte le
interessanti conseguenze evoluzionistiche.
Massimo Piattelli Palmarini
07 marzo 2006
Bye...
VR
"Non posso concepire un Dio personale che abbia un'influenza
diretta sulle azioni degli individui.
La mia religiosità consiste in una modesta ammirazione dello
spirito infinitamente superiore che si rivela in quel poco
che noi possiamo comprendere della realtà."
Albert Einstein - Lettera ad un Banchiere del Colorado,
Agosto 1927
__________________ www.Diolaico.it ______________
Un nuovo paradigma nella querelle scienza/religiosità.
Il contributo della teoria evoluzionistica contro le
ideologie religiose moderne.
Ovvero: come Darwin puo' aver confutato le congetture
del reverendo Paley..
Sito aggiornato <<<<<<<<<<<<<<<<
Settembre 2005
__________________ www.Diolaico.it ______________
VR
2006-03-10 13:09:24 UTC
Permalink
Post by LuChiNo
Basta flammare! Se dovete proprio punzecchiarvi, perchè non lo fate in
privato?
???

Ho solo proposto un dato oggettivo in NG che reputo consoni alle
tematiche - scientifiche e filosofiche - connesse.
Non devo replicare a chi risponde? L'ho fatto sempre in relazione ai
contenuti.

Poi.. dato che sei "scocciato"(?).. perche' non quoti?

VR
michele
2006-03-10 18:52:01 UTC
Permalink
Post by VR
La «discesa» dei nostri antenati dalla foresta nelle pianure ha
favorito arti inferiori capaci di sostenere da soli il nostro peso e
di consentire la marcia e la corsa, il linguaggio ha consentito una
comunicazione raffinata, il ragionamento......
sììììììììì....buonanotte! Si vede che in Turchia non guardano il Grande
Fratello....

ciao, veroli'

michele

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
VR
2006-03-10 19:04:09 UTC
Permalink
Post by michele
Post by VR
La «discesa» dei nostri antenati dalla foresta nelle pianure ha
favorito arti inferiori capaci di sostenere da soli il nostro peso e
di consentire la marcia e la corsa, il linguaggio ha consentito una
comunicazione raffinata, il ragionamento......
sììììììììì....buonanotte! Si vede che in Turchia non guardano il Grande
Fratello....
ciao, veroli'
Ciao!!!

Continua a leggere su narkive:
Loading...